29 milioni di dollari in Bitcoin sequestrati dai riciclatori di denaro del Dark Web olandese

Una coppia di Hilversum, Paesi Bassi, è stata condannata per riciclaggio di denaro sporco dopo aver usato il bitcoin su servizi di dark web.

Il tribunale distrettuale di Rotterdam ha ordinato alla coppia di confiscare 2.532 BTC e 250.000 euro (295.256 dollari).

Secondo i documenti del tribunale, i condannati hanno scambiato denaro contante con Immediate Edge da clienti anonimi in ristoranti fast-food molto frequentati.

Il Trust Project è un consorzio internazionale di organizzazioni giornalistiche che costruisce standard di trasparenza.
Il tribunale distrettuale di Rotterdam, nei Paesi Bassi, ha sequestrato 2.532 bitcoin (~29 milioni di dollari) a una coppia condannata per riciclaggio di denaro sporco su piattaforme web oscure.

Secondo una dichiarazione del tribunale, l’uomo e sua moglie della città di Hilversum, nell’Olanda settentrionale, sono stati condannati a due anni e due anni e mezzo di prigione, rispettivamente, per riciclaggio di denaro sporco.

La pubblica accusa olandese ha perseguito con successo la coppia per il riciclaggio di oltre 16 milioni di euro (18,9 milioni di dollari) nel corso di due anni e mezzo, dopo aver stabilito che la fonte della grande somma di bitcoin in loro possesso proveniva da transazioni illegali sul web scuro.

Particolari del caso

Secondo la dichiarazione del tribunale, sono state sequestrate agli indagati due somme distinte rispettivamente di 1.488 BTC e 1.044 BTC, oltre a 250.000 euro (295.256 dollari) in contanti. Inoltre, entrambi gli indagati sono stati multati individualmente per 45.000 euro (53.137 dollari) e costretti a rinunciare a 138.000 euro (162.955 dollari) e 40.000 dollari.

Il tribunale ha stabilito che la coppia ha acquistato bitcoin per scambiare grandi somme in euro in contanti da privati e aziende. Queste transazioni non sono state divulgate alle autorità olandesi e sono state effettuate utilizzando metodi per mantenere l’anonimato dei clienti.

La corte ha spiegato che gli scambi avvenivano di solito in un fast-food di una grande città, senza alcuna due diligence o KYC. Questo è tipicamente vantaggioso per i criminali della rete oscura che cercano di scambiare il loro bitcoin con fiat senza passare attraverso i consueti controlli degli scambi di fiat-crypto.

„Tracce del web oscuro“

La corte ha stabilito che il bitcoin acquisito portava i segni dell’attività del dark web. L’uso del bitcoin sul web oscuro è stato collegato ad attività criminali come la pornografia infantile e l’omicidio su commissione, e le autorità spesso prendono di mira questi mercati sotterranei.

Un estratto dei documenti del tribunale recita come segue:

„I commercianti non chiedevano ai clienti i documenti d’identità, mentre spesso venivano scambiate grandi quantità. I sospetti, un uomo e sua moglie, sono entrati in contatto con i clienti attraverso pubblicità su Internet e un mercato sul web oscuro. La maggior parte dei bitcoin scambiati recava tracce della rete oscura. Il tribunale ha stabilito che i sospetti hanno riciclato più di 16 milioni di euro in due anni e mezzo“.